Sabato 20 Ottobre 2018
Debiti per 3,7 milioni: il commissario Ragusa diffida i sindaci a versare le somme


Ato rifiuti, discarica non pagata respinge i mezzi: Comuni a rischio commissariamento

di Andrea Rifatto | 31/05/2018 | AMBIENTE

1119 Lettori unici

L'autoparco Ato Me4 di Furci Siculo

Si rischia la crisi del settore rifiuti nel comprensorio jonico che va da Scaletta Zanclea a Santa Domenica Vittoria. Ieri mattina, infatti, gli autocompattatori dell’Ato Me4 non sono stati fatti accedere alla discarica Sicula Trasporti di Catania dove scaricano quotidianamente, in quanto la Struttura commissariale della società d’ambito in liquidazione ha accumulato un debito pari a 3 milioni 667mila euro con i gestori del sito di sversamento, per 25 fatture non saldate da settembre 2016 a oggi, che dunque hanno deciso di non aprire i cancelli ai mezzi provenienti dai circa 20 comuni serviti dall’Ato Me4. Il commissario straordinario Ettore Ragusa, dimissionario e oggi al suo ultimo giorno di incarico, ha subito scritto ai sindaci, ai segretari comunali ai responsabili degli Uffici tecnici e per conoscenza al Dipartimento regionale Acqua e Rifiuti, alla discarica Sicula Trasporti, alla Prefettura e alla Procura della Repubblica di Messina, comunicando quanto accaduto ed evidenziando come gli autocompattatori ieri siano stati costretti a rientrare negli autoparchi, di fatto bloccando il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani. Da qui la diffida alle amministrazioni e gli Uffici preposti a disporre con estrema urgenza i bonifici di pagamento delle fatture scadute con la gestione commissariale, in modo da poter riversare le somme alla discarica Sicula Trasporti, anch’essa diffidata a voler consentire l’accesso in discarica dei mezzi provenienti dai comuni serviti dall’Ato Me4 nel frattempo che gli enti effettuino i pagamenti. Ragusa ha nuovamente declinato ogni responsabilità sia di natura igienico-sanitaria e ambientale che penale derivante dalla sospensione, imputabile esclusivamente ai Comuni inadempienti, ribadendo come a causa dei mancati o ritardati pagamenti l’Ato Me4 non è più in grado di svolgere il servizio di gestione integrata dei rifiuti solidi urbani. I Comuni potrebbero subire a giorni la nomina di un commissario ad acta da parte della Regione, come già accaduto nell’Agrigentino, visti i debiti con Ato Me4 ed Srr Messina Area Metropolitana.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.