Domenica 19 Agosto 2018
La minoranza diffida amministratori e funzionari dopo le dimissioni di Basile


Sant'Alessio, "La Giunta è illegittima e opera contro legge: delibere da annullare"

di Andrea Rifatto | 07/08/2018 | POLITICA

900 Lettori unici

I diffidati dalla minoranza

“La Giunta comunale di Sant’Alessio non è legittimata a deliberare dopo le dimissioni del 18 luglio dell’assessore Pina Basile, in quanto è venuto meno uno dei suoi componenti e nelle sedute del 25 luglio e del 2 agosto ha operato contra legem”. Lo scrivono i consiglieri del gruppo di minoranza consiliare “Cambiavento”, Concetto Fleres, Rosanna Fichera e Giuseppe Bartorilla, in una diffida inviata ieri al sindaco, agli assessori, al presidente del Consiglio, alla segretaria comunale, al revisore e ai responsabili d’Area, chiedendo a ognuno, per le rispettive competenze, “di rimuovere celermente le ennesime gravi e reiterate violazioni di legge, sospendendo immediatamente tutte le procedure di spesa derivanti dalle deliberazioni e provvedendo all’annullamento in autotutela di 12 atti amministrativi adottati e delle conseguenti determinazioni dei responsabili di Area”. L’opposizione evidenzia innanzitutto come la L.r. 7/1992, modificata poi con la L.r. 6/2011, prevede che la giunta è composta in modo da garantire la rappresentanza di entrambi i generi e quindi “emerge l’intenzione del legislatore di attribuire valore cogente e precettivo alla rappresentanza di entrambi i generi”, così come “la L.r. 11/2015 stabilisce che nei comuni con popolazione pari o inferiore a 5.000 abitanti il numero degli assessori è fissato a tre”. “Inoltre - scrive la minoranza - il Cga Sicilia nel 2001 ha ritenuto che ove vengano meno uno o più dei suoi componenti, la Giunta non possa legittimamente deliberare sino a quanto la sua composizione originaria non sia stata ricostituita”. 

Quindi secondo i tre consiglieri di opposizione nelle sedute del 25 luglio e del 2 agosto, dove erano presenti gli unici componenti rimasti in carica, cioè il sindaco Giovanni Foti, il vicesindaco Franco Santoro e l’assessore Giuseppe Pasquale, gli atti sono stati approvati “senza che sia stato ricostituito il plenum e senza aver garantito la inconfutabile ed incomprimibile rappresentanza di genere”, con “gravi e reiterate irregolarità che potrebbero esporre l’ente ad eventuali contenziosi, con potenziale nocumento per l’attività amministrativa del Comune”. “L’eventuale inerzia - conclude la minoranza - sarà segnalata alle autorità preposte per gli accertamenti del caso ed i provvedimenti consequenziali”. Il sindaco Foti è stato inoltre invitato “a relazionare al Consiglio comunale,  in merito ed in riscontro alle gravissime motivazioni che avrebbero costretto l’ex assessore Pina Santa Basile a dimettersi dalla carica”. L'azione della minoranza potrebbe adesso imprimere un'accelerata e portare il sindaco a nominare il nuovo assessore donna, che potrebbe essere uno tra le attuali consigliere di maggioranza Alessandra Marisca e Virginia Carnabuci o il revisore dei conti Daniela Carnabuci.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.