Domenica 24 Giugno 2018
Interrogazione su illuminazione e abbandono. La replica del vicesindaco


Sant'Alessio, degrado in piazza Zappalà: botta e risposta tra minoranza e Amministrazione

di Andrea Rifatto | 18/02/2018 | POLITICA

453 Lettori unici

Piazza Onofrio Zappalà

Botta e risposta a Sant’Alessio Siculo sullo stato di piazza Onofrio Zappalà. A segnalare una situazione di degrado, dovuta anche alla carente illuminazione pubblica, è stato nei giorni scorsi il gruppo consiliare di minoranza “Cambiavento”, che ha presentato un’interrogazione al sindaco Giovanni Foti segnalando uno stato di degrado e pericolo della piazza e della adiacente via Stazione. I consiglieri Concetto Fleres, Rosanna Fichera e Giuseppe Bartorilla hanno evidenziato come “dal 17 dicembre persiste un gravissimo pericolo per tutti i cittadini e in particolar modo per quanti si recano o escono dalla stazione ferroviaria, in quanto l’illuminazione pubblica è mancante. Ciò, oltre a dare una pessima immagine del paese che appare totalmente abbandonato e trascurato – hanno scritto i tre – espone gravemente l’Ente al rischio di risarcimenti danni da parte di cittadini che a causa del buio della zona possono infortunarsi accidentalmente transitando per raggiungere la stazione e viceversa. Considerato che è trascorso più di un mese non si comprendono i motivi, avendo l’Ente approvato il bilancio comunale dove poter attingere le somme necessarie o far fronte con i fondi disponibili per gli eventi imprevisti”, la minoranza ha chiesto quindi di essere messa a conoscenza in forma scritta “dei motivi per i quali ad oggi non sono stati presi i provvedimenti necessari al ripristino dell’illuminazione, mantenendo uno stato di assoluto abbandono del centro del paese” e ha fatto presente che “tali inadempienze costituiscono interruzione di pubblico servizio”.

La risposta è arrivata dal vicesindaco Franco Santoro, che ha replicato evidenziando “che la piazza Onofrio Zappalà non è in alcuno stato di abbandono o degrado e riceve la stessa attenzione di tutti gli altri luoghi pubblici e sicuramente un’attenzione maggiore rispetto agli anni precedenti”, spiegando poi i motivi che hanno portato lo slargo a rimanere al buio per quasi due mesi. “È accaduto che la linea elettrica vecchia di 40 anni ha subito sottotraccia un’interruzione e solo l’intervento di una ditta specializzata dotata di apparecchiature sofisticate ha permesso di riparare il guasto – ha scritto Santoro – e ho dato mandato all’Ufficio tecnico di predisporre e quantificare un radicale intervento di rinnovo dell’impianto di illuminazione e della rete elettrica. Nel più breve tempo possibile verranno sostituiti i vecchi pali ormai obsoleti e l’intera linea”.

La minoranza fa notare che l’interrogazione abbia avuto come effetto il ripristino dell’illuminazione ma allo stesso tempo permane lo stato di abbandono e degrado della piazza Zappalà, dove fanno bella mostra rifiuti sparsi sul pavimento e nelle aiuole, erbacce e residui secchi della vegetazione degli alberi.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.