Venerdì 20 Ottobre 2017
I due consiglieri del gruppo Santoro rivendicano il loro peso politico nel gruppo


Sant'Alessio, grane in maggioranza: Lo Monaco e Marisca abbandonano il Consiglio

di Andrea Rifatto | 07/10/2017 | POLITICA

1723 Lettori unici

Alessandra Marisca e Nino Lo Monaco

Prime grane in maggioranza per il sindaco di Sant’Alessio Siculo, Giovanni Foti. Un forte segnale di dissenso è arrivato dal gruppo “ViviAmo S. Alessio”, che fa riferimento al vicesindaco Franco Santoro. Giovedì sera, all’apertura del Consiglio comunale, i consiglieri Nino Lo Monaco e Alessandra Marisca hanno abbandonato l’aula subito dopo l’appello, lasciando sui banchi di maggioranza solo i colleghi di “Vince S. Alessio” Alessio Fichera e Virginia Carnabuci, vista l’assenza di Rosario Trischitta e Giovanni Saccà, che hanno proseguito il Consiglio insieme al presidente Domenico Aliberti e ai membri del gruppo di minoranza “Cambavento”, Concetto Fleres, Rosanna Fichera e Giuseppe Bartorilla. “Abbiamo deciso di dare un segnale forte per far capire che i nostri numeri sono importanti e decisivi – spiega Lo Monaco – e vogliamo che si tenga conto del nostro apporto alla compagine. Non ci sono piaciute alcune scelte, come quella sulla presidenza del Consiglio (lo stesso Lo Monaco si era proposto per la carica) e le recenti nomine dei due esperti a Turismo e Spettacoli, fatte dal sindaco senza che sapessimo nulla nonostante avessimo avuto pochi giorni prima una riunione di maggioranza”. Un episodio, quello avvenuto nell’ultimo Consiglio, che ha portato Franco Santoro e Giovanni Foti a incontrarsi in queste ore per chiarirsi e cercare di evitare in futuro nuove “sorprese”.

 Il Consiglio ha poi approvato all’unanimità la revisione straordinaria delle partecipazioni, una mozione proposta dalla minoranza contro la soppressione dei Pte e delle ambulanze 118 prevista dalla Regione e l’integrazione al Piano triennale delle Opere pubbliche 2017-2019 con l’inserimento del progetto di riqualificazione e riconversione dei locali annessi a Villa Genovesi per centro culturale-ricreativo e di accoglienza turistica. Rinviata l’approvazione dell’affidamento della riscossione coattiva, mediante ruoli, delle imposte all’Agenzia delle Entrate: in caso di voto contrario o astensione della minoranza si sarebbe rischiato che la proposta non passasse e l’opposizione, su proposta di Bartorilla, ha voluto essere “benevola” ed evitare imbarazzi alla maggioranza, proponendo il rinvio anche per studiare meglio la proposta, che ha ricadute anche sul Piano di riequilibrio pluriennale. Alla seduta erano presenti il sindaco e gli assessori Pina Basile e Giuseppe Pasquale.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.