Mercoledì 18 Ottobre 2017
Proposta al Consiglio una delibera per destinare le somme per fini sociali e culturali


S. Teresa, la minoranza rinuncia ai gettoni di presenza: “Un fondo per i più bisognosi"

di Andrea Rifatto | 01/07/2017 | POLITICA

1238 Lettori unici | Commenti 2

I consiglieri Casablanca, Scarcella, Sansone e Migliastro

Un fondo di solidarietà per progetti assistenziali e culturali in favore delle persone bisognose, creato con i gettoni di presenza destinati ai consiglieri comunali, gestito in via esclusiva da chi contribuirà alla sua costituzione. È la proposta presentata dal gruppo di minoranza “Insieme per cambiare”, che ha comunicato al presidente del Consiglio, al segretario comunale e al sindaco di volere rinunciare ai gettoni che i componenti matureranno in seguito alla partecipazione alle sedute del Consiglio comunale e delle Commissioni a far data dal 26 giugno e fino alla fine del mandato. I consiglieri Antonio Scarcella, Carmelo Casablanca, Giuseppe Migliastro e Lucia Sansone hanno quindi presentato una proposta di deliberazione da iscrivere all’ordine del giorno della prossima seduta dell’assemblea cittadina, visto che per la rinuncia all’indennità di funzione e ai gettoni di presenza è necessaria l’adozione di una deliberazione da parte dell’organo consiliare. “La funzione di consigliere deve essere svolta al servizio della cittadinanza per il raggiungimento del bene comune senza il corrispettivo di uno stipendio – scrivono Scarcella, Casablanca, Migliastro e Sansone – e ai consiglieri e agli amministratori devono essere rimborsate, ai sensi di legge, solo le spese vive sostenute per adempiere le loro funzioni e garantire pari opportunità nello svolgimento delle cariche ricoperte”.

Da qui la proposte che impegna l’Amministrazione comunale “a destinare le economie derivanti dalla rinuncia ai gettoni di presenza dei consiglieri e derivanti dalla approvazione della proposta per fini istituzionali e precisamente per la costituzione di un fondo di solidarietà da utilizzare per persone bisognose”. “Insieme per cambiare” aveva annunciato in campagna elettorale che avrebbe rinunciato alle indennità di carica spettanti a sindaco e assessori e ai gettoni dei consiglieri, mentre la compagine opposta, formata dagli amministratori uuscenti riconfermati al governo del paese, non si è espressa sulla questione e a differenza della passata legislatura ha deciso di percepire le somme previste dalla legge. Nei cinque anni scorsi la rinuncia a indennità e gettoni ha fatto risparmiare al Comune 500mila euro.


COMMENTI

Pippo Sturiale | il 01/07/2017 alle 13:29:28

Fare la beneficienza con i gettoni di presenza non significa rinunciarvi, specialmente quando la destinazione viene fatta dal "rinunciante": la collettività spende lo stesso. Mi sembra che si sta facendo come i cinque stelle, che hanno "rinunciato" a metà dell'indennità ... io pago e loro si fanno "la politica".

Juan | il 01/07/2017 alle 17:18:30

Mi abbiamo i nuovi cinque stelle a Santa Teresa.. Già ci bastava l'ex sindaco, ora la minoranza 5 stelle

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.