Lunedì 18 Giugno 2018
Lo strumento finanziario 2016 approvato dal Consiglio con notevole ritardo


Furci, ok unanime al Bilancio: "Meno risorse ma servizi garantiti"

di Andrea Rifatto | 26/10/2016 | POLITICA

618 Lettori unici

Il Consiglio comunale furcese

Via libera all’unanimità dal Consiglio comunale di Furci Siculo al Bilancio di previsione e al Documento unico di programmazione 2016-2018. Gli strumenti finanziari sono stati approvati con il voto favorevole di tutti i consiglieri (assente l’indipendente Raluca Sandra), che hanno così chiuso un percorso travagliato che ha portato il Comune a subire un commissariamento da parte della Regione, visti i ritardi accumulati nel far giungere in Aula il bilancio di previsione il cui termine per l’approvazione scadeva il 30 aprile. Il funzionario regionale, insediatosi il 10 ottobre, aveva diffidato l’organo consiliare ad approvare il Bilancio e il Dup entro il 23 novembre. Una prima versione dello strumento contabile era stata esitata dalla Giunta comunale il 21 luglio ma un mese dopo, il 30 agosto, la delibera era stata revocata ed era stato approvato un nuoto atto in seguito ai rilievi mossi dal revisore dei conti, che ha riscontrato anomalie in merito ad alcune voci. Per il 2016 il Bilancio prevede entrate di cassa per 25,6 milioni di euro e spese per 25 milioni. “Abbiamo cercato di mantenere i servizi essenziali a un buon livello qualitativo garantendo allo stesso tempo il pareggio di bilancio – ha spiegato il vicesindaco e assessore al Bilancio, Maria Vera Scarcella –, nonostante la Regione abbia ridotto i trasferimenti di 190mila euro rispetto al 2015 e abbia comunicato l’entità delle somme spettanti al Comune di Furci solo a metà agosto: da qui i ritardi nell’approvazione”.

Ritardi che secondo il capogruppo di minoranza, Francesco Rigano, sono dovuti alla difficoltà degli Uffici a reperire dati e informazioni da inserire in Bilancio. “In sostanza si tratta di un consuntivo visto che siamo quasi a fine anno – ha evidenziato – ma rileviamo che quest’anno c’è stata maggiore attenzione nel redigere il documento, ad esempio abbassando le previsioni di entrate di alcuni capitoli in passato troppo alti, come gli introiti Imu, e ne sono dimostrazione anche le delibere revocate nei giorni scorsi perché impegnavano somme in regime di gestione provvisoria (leggi qui)”. Un giudizio positivo, dunque, da parte dell’opposizione, che ha apprezzato la buona volontà dell’Amministrazione del sindaco Foti: “Permane comunque qualche criticità ma per dovere civico votiamo favorevolmente perché non vogliamo fare mero ostruzionismo” – ha aggiunto Rigano –: speriamo che anche in futuro si prosegua a valutare in modo ponderato le scelte finanziarie”.

Il presidente del Consiglio comunale, Gianluca Di Bella, ha invece sottolineato la necessità di rispettare in futuro i tempi di approvazione del Bilancio e ha invitato gli Uffici ad attivarsi per far aumentare le entrate da tributi perfezionando il meccanismo di riscossione.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.