Mercoledì 13 Dicembre 2017
La replica a Saetti dei due ex assessori defenestrati dalla giunta comunale


Casalvecchio, parlano Palella e Santoro: “Sempre vicini alla gente, sindaco confuso"

di Redazione | 07/07/2017 | POLITICA

2257 Lettori unici

Carmelo Palella e Salvatore Santoro

Non si è fatta attendere la replica degli ormai ex assessori di Casalvecchio Siculo Carmelo Palella e Salvatore Santoro al defenestramento operato nei loro confronti dal sindaco Marco Saetti, che ieri ha revocato l’incarico a entrambi estromettendoli dalla giunta comunale. I due hanno inviato una lettera al sindaco rispondendo alle motivazioni addotte nei provvedimenti di revoca, dove si parla di mancanza di fiducia verso i due ex assessori “per il comportamento tenuto nell’ultimo anno in merito all’idoneità a perseguire gli obiettivi amministrativi comuni fissati nel programma di mandato”. Il riferimento è i movimenti politici in vista delle elezioni amministrative del 2018, anche se Palella, che ricopriva anche la carica di vicesindaco, smentisce una sua candidatura a sindaco come si vocifera da tempo. Discorsi che Saetti ha definito legittimi ma da fare non rimanendo all’interno dell’Amministrazione in carica, “perche – ha spiegato – è necessario avere rispetto verso il massimo rappresentante del Comune. “Ci è stato comunicato con una missiva e non da Lei che non ricopriamo più il ruolo di assessori comunali – esordiscono Palella e Santoro – e abbiamo la consapevolezza e la certezza di aver svolto il nostro compito con spirito di sacrificio e abnegazione nei confronti del nostro paese e di tutti i cittadini. In questi anni siamo stati vicini e presenti ai bisogni delle persone, soprattutto in momenti di calamità e di improvvise necessità che il nostro paese ha dovuto affrontare, memori, nel contepo, di aver rappresentato e servito la cittadinanza in modo efficiente ed esemplare con tempestività e dovizia di cui Ella spessi ci ha gratificato. Abbiamo provato con umiltà e correttezza a creare rapporti collaborativi con tutti e abbiamo sempre offerto la propria disponibilità per creare il bene comune nel nostro amato paese – proseguono i due ex esponenti dell’Amministrazione di Casalvecchio, che si dicono sereni in quanto consapevoli di aver lavorato per il bene del paese – e certamente Ella, fra le altre cose, dimentica quel giugno 2013, quando assente per oltre cinque lustri dal suo paese, è stato vincitore in modo trionfale delle elezioni amministrative. Momento in cui è stata segnata una svolta epocale e alla quale noi crediamo di aver personalmente contribuito”.

Carmelo Palella e Salvatore Santoro si rivolgono al sindaco Marco Saetti evidenziando come “in questi ultimi tempi la sua figura stinta, appannata e offuscata da un comportamento irrazionale, ingiustificato e spesso irriguardoso verso gli altri, non ha fatto altro che inclinare i suoi rapporti, non solamente con noi ma con componenti dell’Amministrazione e con i cittadini. La scelta suggerita, come Ella scrive, da “mancanza del rapporto di fiducia”, è invece dettata fra l’altro da ingerenze di persone a Lei vicine, che niente hanno da spartire con la nobiltà della politica. Infine ringraziamo tutti coloro, compresi i dipendenti comunali, che ci hanno accolto, supportato e ascoltato e un grazie anche a Lei per averci offerto la possibilità di essere stati, con onore e osservanza, al servizio della nostra comunità senza interesse alcuno”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.