Lunedì 16 Luglio 2018
Il gruppo denuncia il raddoppio degli importi ricevuti dai cittadini delle frazioni


Casalvecchio, bollette dell'acqua "pazze": la minoranza chiede chiarimenti

di Andrea Rifatto | 08/07/2018 | POLITICA

1049 Lettori unici

I consiglieri Gerami, Palella e Saglimbene

“I residenti delle frazioni Rimiti, Misitano e San Carlo stanno ricevendo bollette dell’acquedotto raddoppiate e sono in agitazione”. Lo denuncia il gruppo consiliare di minoranza “Alternativa per Casalvecchio”. I consiglieri Carmelo Palella, Carmelo Saglimbene e Mariella Gerami, esponenti di Sicilia Vera, che invitano i cittadini delle tre borgate a non pagare le somme richieste dal Comune in attesa di capirne di più. “Chiederemo in Consiglio comunale all’Amministrazione di rivedere il Piano tariffario 2017 – dice Palella, ex assessore all’Acquedotto – in quanto nel 2017 erano stati  inseriti nel capitolo acquedotto del bilancio 10mila euro recuperati dalla rinuncia alle indennità di carica, onde evitare costi maggiori per i cittadini. Chiediamo adesso di verificare se si è tenuto conto di questa somma”. Nelle frazioni di Casalvecchio il servizio idrico è gestito dal Comune mentre al centro del paese l’acquedotto comunale è in mano a Siciliacque, anche se la Regione nel gennaio scorso ha inviato un commissario ad acta per imporre al Comune la presa in consegna delle rete, così come previsto da una legge regionale del 2017.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.