Lunedì 20 Novembre 2017
I consiglieri Melato e Tringali hanno presentato un'interrogazione al sindaco


Alì Terme, la minoranza chiede chiarimenti sui 381mila euro spesi per l'estate 2015

di Gianluca Santisi | 05/03/2017 | POLITICA

1484 Lettori unici

I consiglieri Nino Melato e Laura Tringali

I consiglieri di opposizione di Alì Terme Laura Tringali e Nino Melato hanno presentato un’interrogazione al sindaco, Giuseppe Marino, per chiedere chiarimenti su come sono stati spesi i 381mila 561 euro assegnati dall’Assessorato regionale ai Beni culturali per le manifestazioni culturali denominate “Artalit”, risalenti all’estate 2015. Gli esponenti di minoranza hanno evidenziato che, nonostante sia stata impegnata una cifra considerevole, i momenti di intrattenimento estivo del 2015 sono “stati secondi per squallore solo a quelli del 2016. Tanto che ritenevamo – hanno scritto nell’interrogazione – che questi non si fossero svolti come da progetto ma in forma ridotta”. Al sindaco Marino hanno chiesto di chiarire “quanto è costato al nostro Comune il cofinanziamento, a chi sono andati i soldi, indicandone l’attività effettuata, il giorno in cui si è svolta e l’importo, la ricaduta sul Comune in termini di maggiori entrate negli esercizi commerciali, quali sono state le presenze di turisti che sono accorsi per assistere a queste importanti manifestazioni, come è stato pubblicizzato questo evento”. I due rappresentanti dell’opposizione si sono inoltre soffermati su alcune determine dell’Area amministrativa, relative a fatture per un importo di 153mila 594 euro pubblicate all’albo pretorio durante lo scorso periodo natalizio, che “ci fanno capire che l’estate 2015 è stata memorabile per l’importanza delle manifestazioni svolte di cui noi, disattenti, non ci siamo accorti”.

La nota si conclude con un affondo: “Visto il fallimento palese di una manifestazione che sarebbe dovuta restare negli annali di Alì Terme, invitiamo lei, la Giunta e i politici che hanno avuto un ruolo in questa triste vicenda, a dimettersi per palese incapacità di sfruttare le risorse finanziarie che una volta tanto ci sono state messe a disposizione”. Le manifestazioni a cui si riferiscono i due consiglieri di minoranza erano inserite nella “Sei giorni aliese”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.