Mercoledì 23 Agosto 2017
Viaggio in musica dalla Sicilia all'Europa. Ospite d'eccezione Ben Van Gelder


"Musaico", il nuovo disco di Raffaele Genovese Trio - VIDEO

24/10/2016 | MUSICA

821 Lettori unici

Raffaele Genovese (foto Paolo Galletta)

«Ho deciso di intitolare questo disco “Musaico” per due motivi: da un lato perché ogni composizione, come fosse una tessera, descrive una parte della mia personalità e della mia vita, dall’altra per l’utilizzo che fa di questo termine Dante nel Convivio. Sono fortemente convinto che la musica e la poesia siano strettamente legate». Con queste parole il pianista Raffaele Genovese presenta il suo terzo album, Musaico (AlfaMusic, distr. Egea), disponibile dal 21 ottobre in cd e digital download. «Musaico – spiega il critico Flavio Caprera - è il disco della maturità, un lavoro autobiografico che riflette a pieno la personalità di un musicista colto e sicuro delle proprie capacità». Terzo lavoro nella discografia dell’artista (dopo “Freeway” del 2011 e “Anamnesi” del 2013, sempre editi da AlfaMusic), il disco è stato realizzato assieme al suo trio (Carmelo Venuto al contrabbasso ed Emanuele Primavera alla batteria) e vede la partecipazione di un ospite d’eccezione: il sassofonista olandese Ben Van Gelder.
A ispirare i nuovi brani sono soprattutto i ricordi di Genovese: da quelli più recenti, come “Settembre” - dedicata a suo figlio - a quelli più remoti come “Via D’Amelio”, una struggente ballata pensata come un omaggio a Paolo Borsellino e a tutti coloro che hanno combattuto e combattono la mafia ogni giorno. Non manca poi un toccante omaggio a una Sicilia preziosa e antica: il brano dedicato al siracusano Ibn Hadmis, massimo esponente della poesia araba di Sicilia vissuto a cavallo tra l’XI e il XII secolo. «Genovese – spiega ancora Caprera – riesce a bilanciare le pulsioni melodiche, solari e fisiche del suo essere isolano, con un jazz di natura occidentale e afroamericana, dove l’essenzialità dell’assunto, la rarefazione del suono e il dosaggio ritmico sono le peculiarità strutturali».Determinante in questo sottile e affascinante equilibrio l’incontro col respiro nordeuropeo di  Van Gelder. «Sono davvero felice – spiega quest’ultimo - che Raffaele mi abbia invitato a prendere parte al suo progetto. La Sicilia mi ha accolto in maniera strepitosa e il mood che si è creato è stato davvero speciale». Del resto l’universo musicale del trio di Genovese – una formazione in qualche modo emblema di una Sicilia capofila tra le regioni italiane per quanto riguarda la presenza di giovani talent - ben si confà a quello del sassofonista olandese, il quale ha fatto del suo sound lirico e vellutato un vero e proprio tratto distintivo, che lo rende riconoscibile dopo pochissime note. 

Raffaele Genovese racconta il suo nuovo disco

Più informazioni: raffaele genovese trio  musaico  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.