Domenica 22 Gennaio 2017
L'importante dispositivo è divenuto ormai obbligatorio sulle coperture degli edifici


Linea vita, basta poco per operare in sicurezza

di Redazionale | 31/03/2014 | ECONOMIA

1740 Lettori unici

Nel settore delle costruzioni le cadute dall’alto rappresentano la causa più comune di infortunio o di morte: eventi che spesso sono causati dalla mancanza di adeguate misure preventive e protettive, con alla base una assente o inidonea progettazione della sicurezza. Per assicurare una reale riduzione degli incidenti è necessario iniziare da una opportuna e completa valutazione del rischio, considerando globalmente tutte le situazioni potenzialmente pericolose. Dovrà ovviamente seguire una fase di pianificazione delle misure di sicurezza, allo scopo di eliminare o ridurre alla fonte i potenziali rischi.
Un dispositivo fondamentale per prevenire le cadute dall’alto, in particolare dalle strutture di copertura degli edifici, è la linea vita, un insieme di ancoraggi posti in quota ai quali gli operatori si agganciano con imbracature e cordini per poter svolgere le attività in completa sicurezza. Per operatori si intende coloro che intervengono sulle strutture sia in fase di costruzione che nelle successive fasi di gestione dell’edificio, per opere di manutenzione e controllo delle coperture e di eventuali impianti presenti su di esse.

La presenza delle linee vita sulle coperture degli edifici è divenuta obbligatoria anche in seguito all’entrata in vigore del decreto 5 settembre 2012 emanato dalla Regione Sicilia, con l’obiettivo di regolamentare l’attuazione delle misure di prevenzione e protezione che devono essere adottate nella progettazione e realizzazione in condizioni di sicurezza di interventi per l’accesso, il transito e l’esecuzione dei lavori di manutenzione sulle coperture. Le disposizioni del decreto si applicano a tutti gli interventi di nuove costruzioni e ristrutturazioni, e agli interventi eseguiti su edifici, di nuova costruzione o già esistenti, per i quali sia necessario presentare richiesta di permesso di costruire o dichiarazione di inizio attività. Si applicano anche in caso di interventi edilizi da eseguire in sanatoria o come varianti in corso d’opera che comportano modifiche alle strutture portanti della copertura.

Evoluzioni Costruttive Srl, azienda leader nella commercializzazione di prodotti e sistemi innovativi per l’edilizia con sede a S. Teresa di Riva (Me), ha “sposato”, relativamente ai dispositivi anticaduta, l’azienda toscana “Rego Srl”, con la collaborazione della quale ha già previsto due meeting formativi rivolti ad imprese e professionisti del settore, che verteranno sull’analisi della normativa e sull’applicazione delle linee vita. Il primo incontro sul tema, organizzato dall'Ordine degli Architetti della Provincia di Messina e dalla Fondazione Architetti nel Mediterraneo, in collaborazione con Evoluzioni Costruttive e Rego, si terrà giovedì 3 aprile dalle ore 14.30 alle 18.30 presso l’Antica Filanda di Roccalumera.

I dispositivi Rego sono ormai largamente conosciuti ed apprezzati per la loro semplicità di utilizzo, il loro ridotto impatto estetico ed il loro design curato, ma soprattutto per la praticità di installazione e la loro affidabilità in grado di rispettare i più severi standard di conformità. La “Rego Srl” è una delle aziende più all’avanguardia del panorama mondiale nella produzione e commercializzazione di dispositivi anticaduta. Grazie agli innovativi test ai quali “Rego” sottopone i suoi prodotti e all’attenzione che ripone in ogni momento, sin dalla progettazione, Evoluzioni Costruttive garantisce massima sicurezza quando si lavora in quota, poiché obiettivo dell’azienda è generare la soddisfazione dei propri clienti e la sicurezza per gli operatori.

 

Video dimostrativo sistema anticaduta Rego

Più informazioni: evoluzioni costruttive  linea vita  

Articoli correlati

 

 

 

 

 

 

 

 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.