Domenica 28 Maggio 2017
Lo scambio di buone pratiche al centro del programma comunitario


Erasmus+, meeting tra operatori e youth workers a Forza d'Agrò

di Redazione | 15/10/2014 | ECONOMIA

1365 Lettori unici

Il Comune di Forza d'Agrò ha promosso il progetto europeo “Fully Employed–Fully Project”, finanziato dal programma comunitario Erasmus+, nell’ambito dell’Azione 1 Mobilità tra responsabili e Youth Workers. Dal 2 al 7 ottobre scorsi, nel centro collinare si sono incontrati operatori giovanili, youth workers, youth leaders e animatori giovanili provenienti da Italia, Romania, Spagna, Lettonia, Slovenia, Croazia, Finlandia, Ungheria, Portogallo e Bulgaria. Gli incontri sono stati incentrati sullo scambio di buone pratiche adottate in Europa per fornire strumenti e promuovere iniziative tra organizzazioni giovanili che operano a livello europeo, nell’ambito dei supporti informativi alla gioventù. La tematica progettuale è basata sull'occupazione giovanile, gli ostacoli e le opportunità del mercato del lavoro in Europa, lo sviluppo delle competenze necessarie per l'inserimento nel mondo del lavoro, l'imprenditoria giovanile, la creatività e il talento dei giovani. Il progetto è finalizzato a rendere i giovani consapevoli del loro ruolo determinante nell’indirizzare le politiche europee e influenzare dal basso l’agenda politica europea. L'iniziativa progettuale, fortemente voluta dall'amministrazione di Forza d'Agrò, capeggiata dal sindaco Fabio Di Cara, si basa sulla convinzione che i  giovani possano condividere un approccio comune alle problematiche legate alla gioventù, prendere parte attiva nella società ed essere incoraggiati a partecipare alla vita sociale e politica del loro paese. Le attività previste in programma sono state molteplici: workshop interattivi, tavole rotonde ed incontri, scambi di buone prassi, discussioni e comparazioni fra le varie esperienze nazionali, visite del territorio e momenti interculturali. Un seminario è stato l’occasione per un confronto e un dibattito attivo e partecipativo su tematiche attuali e di notevole interesse europeo, i giovani hanno imparato e condiviso opinioni e punti di vista diversi. Il progetto ha fornito a tutti i partecipanti degli input per scambiare vissuti, esperienze e aspirazioni, veicolando oltre i confini nazionali l’immagine, la storia, la cultura e le tradizioni del proprio territorio. Per il sindaco Di Cara “questo progetto rappresenta un’importante opportunità di crescita per i partecipanti che saranno coinvolti ed avranno la possibilità di intraprendere altre iniziative in Europa”.

Più informazioni: erasmus+  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.