Martedì 26 Settembre 2017
Sabato la terza edizione dell'evento organizzato dal Liceo classico di S. Teresa


Simposio di Primavera, a Mandanici alla scoperta delle radici greco-bizantine

di Andrea Rifatto | 19/05/2017 | CULTURA E SPETTACOLI

1333 Lettori unici

Anna Misiti e Carmela Maria Lipari

Sarà Mandanici a ospitare la terza edizione del Simposio di Primavera, evento culturale in programma sabato 20 maggio organizzato dal Liceo Classico “Enrico Trimarchi” di S. Teresa di Riva. La tematica di quest’anno è il mondo greco-bizantino e in particolare le radici esistenti nel territorio jonico. Il programma è stato illustrato dalla dirigente scolastica Carmela Maria Lipari, dai docenti Francesco Messina (Dipartimento di Lettere classiche) e Francesca Gullotta (Dipartimento di Storia) e dalla presidente del Consiglio comunale di Mandanici, Anna Misiti. “Il Simposio chiude gli appuntamenti culturali organizzati nel corso dell’anno scolastico dal nostro liceo – ha spiegato la dirigente – e quest’anno, dopo Casalvecchio e Savoca, sabbiamocelto Mandanici per dare modo ai nostri studenti di conoscere ancora meglio il territorio e la storia che gli appartiene. Ringraziamo l’Amministrazione comunale che si è mostrata subito disponibile e ha collaborato all’organizzazione dell’iniziativa”. “Mandanici ospita da tempo eventi culturali di spessore – ha evidenziato Anna Misiti – e siamo orgogliosi e ben lieti che il Classico di S. Teresa abbia scelto la nostra comunità, riconosciuta come città d’arte, per la terza edizione del Simposio. Un liceo dove si vive la cultura con la C maiuscola e ne sono testimonianza le iniziative organizzate durante l’anno. Gli studenti – ha aggiunto la presidente del Consiglio – avranno modo di conoscere il monastero, il nostro tesoro storico-architettonico, e visionare anche gli antichi testi conservati nella biblioteca comunale”. I docenti Messina e Gullotta ha sottolineato come lo spirito dell’iniziativa sia entrare in comunione con il luogo visitato per scoprire dal vivo quanto studiato sui banchi di scuola, così da promuovere la cultura classica e i territori a noi vicini.

La terza edizione si concentrerà sulla presenza greca in Sicilia nel Basso Medioevo, dal VI al IX secolo dopo Cristo, quando l’Isola entra a far parte dell’Impero Romano d’Oriente. A partire dal 726 in Sicilia arrivarono i monaci basiliani, fuggiti dopo l’editto di Leone III, che fondarono diversi cenobi ortodossi o cattolici di rito greco. Tra questi luoghi sacri la chiesa e il monastero di Santa Maria Annunziata di contrada Badia a Mandanici, fatti costruire nel 1100 e poi donati ai monaci greci di San Basilio insieme a tutto il feudo di Mandanici. Si inizierà alle ore 10 con l’accoglienza degli studenti e la visita guidata al monastero basiliano di Santa Maria Annunziata; alle 12.30 degustazioni e alle 15.30 la visita guidata del centro storico di Mandanici; alle 16 al museo etno-antropologico i saluti del sindaco Armando Carpo e della dirigente scolastica Carmela Maria Lipari e gli interventi del professor Daniele Macris, presidente della Comunità ellenica dello Stretto, su “La permanenza della lingua greca nella Sicilia bizantina”; di padre Alessio Mandanikiotis, jeromonaco ortodosso dell’Eremo di S. Lucia del Mela, su “Splendori di Bisanzio nella Santità siciliana”; di don Roberto Romeo, dottorato presso il Pontificio Istituto Orientale di Roma, sul tema “L’Archimandritato del Santissimo Salvatore, ricerche-sviluppi-prospettive”. Alle 18.30 l’evento finale “Atmosfere medievali”.  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.