Mercoledì 18 Ottobre 2017
Dopo 4 anni rappresentazione vivente in programma la Domenica delle Palme


Savoca, torna la “Passione di Cristo” per le vie del centro storico

di Redazione | 02/04/2017 | CULTURA E SPETTACOLI

2460 Lettori unici

Torna a Savoca la “Passione di Cristo”. Dopo uno stop di quattro anni, la sacra rappresentazione vivente verrà rimessa in scena nel borgo medievale il 9 aprile, domenica delle Palme, a partire dalle ore 17.30 L’Amministrazione comunale, le parrocchie Santa Maria Assunta di Savoca e Santa Maria di Portosalvo di S. Teresa di Riva, con la collaborazione delle comunità parrocchiali di Rina, San Francesco di Paola e Contura, la Pro Loco “Savoca Futura” e cittadini hanno deciso di far rivivere la manifestazione che nelle sette edizioni precedenti, oltre a richiamare  una moltitudine di fedeli, turisti e visitatori, è stata anche motivo di studio di docenti e studenti dell’Università di Bologna, nonché di esperti delle tradizioni popolari. Nei mesi scorsi il sindaco Antonino Bartolotta (era stata la sua Amministrazione ad avviare, nel 2005, questo evento religioso-culturale), l’arciprete don Agostino Giacalone, don Francesco Broccio e il regista Vittorio Bruno, si sono attivati, nonostante le difficoltà economiche, per organizzare l’ottava edizione della manifestazione, tenuto conto del successo avuto nelle edizioni precedenti, ed è stato deciso all’unanimità di riprendere il cammino di questo importante evento in occasione della Santa Pasqua.

La manifestazione avrà come scenario l’incomparabile e suggestivo centro storico di Savoca, uno de “I Borghi più belli d’Italia”, in un intreccio di fede, tradizione, cultura e storia, per far rivivere la Passione, la Morte e la Resurrezione di Gesù Cristo, con la partecipazione degli abitanti del luogo ma anche di altri centri della Val d’Agrò. La direzione artistica è stata affidata a Vittorio Bruno, mentre padre Agostino Giacalone cura la consulenza religiosa; l’evento, a cui prenderà parte il Corteo storico Laboratorio Artigianale Centurio di San Cataldo, sarà arricchito dalle musiche inedite di Alessio Triolo, che cura anche la regia.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.