Giovedì 29 Giugno 2017
Al 'Val d'Agrò' di S. Teresa è andato in scena lo spettacolo di Clara Costanzo


La storia di Rocco Chinnici: il sacrificio di un magistrato per una terra martoriata

di Santo Trimarchi | 13/05/2017 | CULTURA E SPETTACOLI

1072 Lettori unici

Clara Costanzo sul palco del "Val d'Agrò"

Al Teatro “Val d’Agrò” di S. Teresa di Riva è andata in scena la storia di Rocco Chinnici, raccontata dalla figlia Caterina nel libro "Mio padre, un magistrato" e realizzata in spettacolo teatrale da Clara Costanzo, sostenuta dal violinista Giovanni Alibrandi nella parte musicale. L'opera di riduzione in forma teatrale è ben riuscita ed ha saputo creare un’atmosfera di comunicazione profonda e di coinvolgimento empatico del pubblico presente. In realtà gli spettatori hanno partecipato con grande impatto emotivo, in stato di forte concentrazione per cogliere la sequenza della trama, particolarmente avvincente sul piano dei sentimenti suscitati nel rapporto padre-figli, del senso morale nella professione, del carattere sociale e politico nel fenomeno mafioso. Appare subito evidente il dramma di una famiglia sconvolta dall'attività rigorosa, solerte e umana di un magistrato che sa prendere il proprio lavoro come una chiamata al sacrificio-missione per una terra martoriata dalla violenza criminale in modo da aprire vie e lasciare nuove prospettive nella lotta alla mafia. In tal modo ha sollevato una questione non solo di legalità, ma di moralità, di funzione civica, di educazione. La convinzione che la cultura è libertà ha portato Rocco Chinnici a incontrare gli studenti nelle scuole e a sostenere i bisogni dei più disagiati in modo da togliere terreno alla manovalanza mafiosa. Questo racconto teatrale ha fatto rivivere i momenti tragici di tante vittime di mafia in Sicilia nel compimento del proprio dovere, attraverso il dolore di una famiglia, ed ha suscitato vero interesse perché ha posto degli interrogativi esistenziali e morali agli spettatori, ricordando il valore di questi eroi civili, la dignità di essere cittadini, la necessità del perdono e la bellezza dell'amore oltre ogni sofferenza che ferisce il cuore!! Questo è teatro che fa riflettere, dialogare, crescere e maturare virtù civili in grado di costruire una società pacifica, giusta e bella!!











COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.