Mercoledì 22 Novembre 2017
Accusato di lesioni aggravate sulla donna, finita in ospedale con 30 giorni di prognosi


Taormina, picchia la moglie: 67enne arrestato dai Carabinieri

11/09/2017 | CRONACA

1247 Lettori unici

I carabinieri della Stazione di Taormina hanno arrestato un 67enne del posto per lesioni aggravate nei confronti della moglie. La donna, in stato di pericolo per la sua incolumità personale, si è rivolta alla locale Centrale operativa dell’Arma e dopo la chiamata una pattuglia dei carabinieri, a cui è stata segnalata la richiesta di aiuto, è giunta immediatamente sul luogo delle violenze: una volta entrati all’interno dell’abitazione, i militari hanno notato la presenza dell’aggressore e della donna, la quale presentava una grossa ferita lacero-contusa alla testa. La vittima ha riferito ai militari che la ferita le era stata causata dal convivente, il quale con un grosso bastone l’aveva ripetutamente colpita sia alla testa che alla braccia. I carabinieri hanno richiesto quindi immediatamente l’intervento dell’ambulanza che poco dopo è giunta sul posto  trasportando la donna presso l’ospedale di Taormina. Alla vittima, dopo al visita dei medici, è stata riscontrata una frattura dell’ulna sinistra, un trauma cranico con ematoma e ferite lacero contuse, curate con diversi punti di sutura per cui ha ricevuto una prognosi di 30 giorni salvo complicazioni. I carabinieri, dopo aver sequestro il bastone, hanno accompagnato l’arrestato presso la Casa circondariale di Messina Gazzi a disposizione dell’Autorità giudiziaria, che ha deciso di affidare il 67enne a una comunità. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.