Giovedì 14 Dicembre 2017
Doppio episodio ricostruito dai carabinieri, che hanno bloccato due taorminesi


Maltrattamenti e stalking: due arresti a Letojanni e Taormina

12/06/2017 | CRONACA

2424 Lettori unici

Due arresti per maltrattamenti in famiglia e stalking nei giorni scorsi da parte dei carabinieri della Compagnia di Taormina. Nel primo caso i militari della Stazione di Letojanni hanno tratto in arresto in flagranza di reato un taorminese di 56 anni con l’accusa di atti persecutori. L’uomo, già separato dalla compagna, era stato oggetto di due distinte denunce per stalking. La donna, però, per l’ennesima è stata insultata e seguita dall’ex con lo scooter e si è vista costretta a rifugiarsi nella caserma dell’Arma di Letojanni, dove dopo qualche frangente giungeva anche l’uomo. I carabinieri, dopo aver prontamente accertato fatti e circostanze, lo hanno quindi arrestato. In seguito al giudizio di convalida di fronte alla competente Autorità giudiziaria di Messina, il 56enne è stato fatto oggetto della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla vittima e ai luoghi frequentati dalla stessa.
Nel secondo episodio di violenza avvenuto in Taormina una 24enne del posto ha richiesto l’intervento di una pattuglia dell’Arma poiché vittima di aggressione da parte dell’ex convivente, che in quel momento si trovava davanti l’abitazione della vittima. L’uomo, dopo aver bussato al campanello di casa, si è intrdotto all’interno dell’abitazione e la madre della 24enne, sentendo gridare la figlia, si è precipitata nelle scale notandola con il volto pieno di sangue mentre spingeva l’uomo verso il portone d’ingresso. I militari, dopo aver provveduto a far visitare la donna, domessa con una prognosi di più giorni per diverse contusioni di cui quella della regione nasale, hanno rintracciato l’uomo che poco dopo è stato tratto in arresto. In tutti e due i casi di violenza le indagini, prontamente avviate dall’Arma dei Carabinieri di Letojanni e di Taormina, hanno consentito di riscontrare quanto denunciato dalle parti offese e attraverso sommarie informazioni testimoniali ed accertamenti di polizia giudiziaria è stato ricostruito il castello accusatorio a carico dei due.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.