Mercoledì 20 Settembre 2017
Incendio partito dal torrente Salice. Difficili le operazioni di spegnimento


In fiamme la collina di Sant'Alessio: probabile la matrice dolosa - FOTO

di Andrea Rifatto | 23/06/2017 | CRONACA

2039 Lettori unici

L'intervento del canadair

Vasto incendio sulla collina sopra l'abitato di Sant'Alessio Siculo. Dalle 11 di questa mattina sono divampate le fiamme sul costone che dal torrente Salice, nella zona sud del paese, si erge fino alla contrada Giletto. In meno di un'ora il rogo si è sviluppato su più fronti spinto dal vento e le lingue di fuoco hanno ingoiato diversi ettari di vegetazione, per lo più terreni incolti, danneggiando anche alcuni uliveti, mentre non sono state sfiorate abitazioni o case rurali. Sul posto sono giunti i Vigili urbani con in testa il comandante Salvatore D'Agata e i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Letojanni. Le operazioni di spegnimento dell'incendio si sono presentate subito difficili a causa dell'assenza di strade utilizzabili per raggiungere i fronti di fuoco, nonostante i diversi tentativi effettuati sia dal torrente Salice che dall'alto tramite alcuni sentieri che conducono ai terreni della zona. I pompieri hanno quindi chiesto alle 12 l'invio di un canadair e nel frattempo si sono adoperato per domare le fiamme raggiungendo con i mezzi la zona interessata tramite piccole trazzere. Il mezzo aereo è intervenuto alle 15 e ha lavorato fino alle 17 per domare gli ultimi focolai. A Sant'Alessio è giunta anche una pattuglia del Corpo Forestale di Savoca ma il Servizio Antincendio Boschivo partirà dal 28 giugno e al momento non sono quindi disponibili uomini. Secondo le prime testimonianze le fiamme, di probabile matrice dolosa, sono partite da una stradina che costeggia il torrente Salice e spinte poi dal vento si sono propagate verso nord mandando in fumo la collina alessese.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.