Giovedì 24 Agosto 2017
Fiamme all'ingresso del paese: evacuata un'anziana, danneggiata un'abitazione


Forza d'Agrò, paura durante la festa: i fuochi d'artificio fanno scoppiare incendi

di Andrea Rifatto | 07/08/2017 | CRONACA

2229 Lettori unici | Commenti 2

Le fiamme sulla Sp 16 e le auto bloccate

Paura ieri sera a Forza d'Agrò durante i festeggiamenti in onore della SS. Trinità. I fuochi d'artificio esplosi poco dopo le 20.30 in paese, all'uscita della vara dalla chiesa prima dell'inizio della processione lungo le vie cittadine, hanno fatto scoppiare diversi incendi all'ingresso del borgo, a ridosso della Strada provinciale 16 e nell'area del belvedere Dammuseddu. Le scintille degli spari pirotecnici sono infatti piovute in alcuni terreni incolti, facendo sì che la vegetazione secca e un leggero vento facessero sviluppare i roghi, divampati rapidamente in più punti tanto che dalla costa Forza d'Agrò appariva avvolta dalle fiamme. Nel giro di pochi minuti, infatti, le lingue di fuoco hanno interessato la scarpata della Sp 16 nell'ultimo tornante prima di giungere in paese e le zone limitrofe, lambendo anche strutture e abitazioni della zona e facendo scattare la paura tra gli abitanti e quanti si trovavano alla festa della SS. Trinità. Immediatamente sono intervenuti i volontari del gruppo locale di Protezione civile con il mezzo antincendio in dotazione al Comune, che hanno allontanato un'anziana dalla propria abitazione al Dammuseddu, danneggiata lievemente dalle fiamme, prodigandosi per tentare di arginare gli incendi. L'avanzare dei roghi ha reso però necessario l'arrivo dei Vigili del Fuoco da Letojanni che hanno lavorato per oltre un'ora per spegnere tutti i focolai. Per circa mezz'ora la Provinciale è stata chiusa al traffico per le fiamme che hanno invaso anche la carreggiata costringendo le auto a fare inversione di marcia. La situazione, tenuta sotto controllo anche da Carabinieri e Vigili urbani, è tornata alla normalità poco dopo le 22. 


COMMENTI

ANTONIO ZAPPERI | il 08/08/2017 alle 09:25:26

Per essere precisi...non era il caso di sparare i fuochi su un territorio con erba incolta e in situazione di vento e forte calura ma evidentemente le fiamme fanno folklore.I mie familiari presenti nella casa in mezzo alle fiamme non sono stati soccorsi da nessuno: la presenza di un collaboratore, il sig Piero, che ringrazio, è stata determinante per salvare le vite di tre ottuagenari. L'appartamento ha avuto una stanza rovinata dalle fiamme...purtroppo questa è una situazione che si ripete da anni ma nessuno fa nulla per limitare i danni.Sarebbe opportuno sparare i fuochi dalla spiaggia di Fondaco Parrino. Saluti da Antonio Zapperi

Pippo Sturiale | il 08/08/2017 alle 11:52:05

Si conosce il piromane, non parlo dell'artificiere, ma di chi ha commissionato i fuochi! La legge si applicherà a questa fattispecie!? ... e non è il primo caso. Colpevoli, recidivi ... ma con i santi in Paradiso!?

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.