Venerdì 20 Ottobre 2017
Sotto accusa concessioni rilasciate in violazione al Piano casa. Udienza a novembre


Abusi edilizi a S. Teresa: chiesto processo per due ex tecnici, un consigliere e altri 5

di Andrea Rifatto | 17/09/2017 | CRONACA

2978 Lettori unici

Il Piano casa consentiva aumento delle volumetrie fino al 25%

Quelle concessioni edilizie ai sensi del Piano Casa non potevano essere rilasciate in quanto non vi erano i presupposti previsti dalla legge. È l’accusa mossa dalla Procura della Repubblica di Messina nei confronti di otto persone di S. Teresa di Riva, tra ex tecnici del Comune, professionisti e privati, finiti al centro di un’inchiesta che ha preso il via lo scorso anno in seguito a una denuncia. A conclusione delle indagini condotte dalla Sezione di Polizia giudiziaria della Polizia municipale di Messina e coordinate dal pubblico ministero Antonella Fradà, è stato chiesto il rinvio a giudizio per due ex tecnici comunali, l’ingegnere Pietro Mifa e il geometra Francesco Cisto; due professionisti operanti a S. Teresa, gli architetti Carmelo Lenzo e Salvatore Massimo Trimarchi e quattro privati tra cui l’attuale capogruppo di maggioranza consiliare Dario Miano. L'udienza preliminare è stata fissata dal gup per il 15 novembre al Tribunale di Messina. Mifa e Cisto sono imputati per abuso d’ufficio perché nelle loro qualità di direttore dell’Area Territorio e Ambiente il primo (incarico ricoperto dal luglio 2009 al maggio 2012) e di tecnico responsabile il secondo (in servizio dal maggio 1978 e collocato a riposo nel novembre 2015) hanno rilasciato una concessione edilizia nel dicembre 2011, sulla base del progetto elaborato dall’architetto Lenzo, in assenza dei requisiti previsti dalla Legge regionale 6/2010 (Piano Casa), “procurando intenzionalmente un ingiusto vantaggio al proprietario consistito nell’edificazione di un fabbricato a due elevazioni fuori terra per abitazione con un ampliamento della cubatura pari al 25,52%, rilasciando la concessione edilizia per la ristrutturazione e sopraelevazione in violazione del Piano Casa in quanto il fabbricato era originariamente destinato a magazzino-deposito (categoria C2) e non ad uso residenziale, non risultava in regola con il pagamento della tassa rifiuti al momento della presentazione dell’istanza e il progetto non risultava corredato da un’analitica descrizione delle tecniche costruttive di bioedilizia utilizzate per la realizzazione delle opere oggetto di concessione”.

A Cisto viene addebitato anche un altro caso, questa volta nelle vesti di vicedirettore dell’Area Territorio e Ambiente, per aver rilasciato nel dicembre 2010 una concessione edilizia a una società del consigliere Dario Miano (eletto alle Amministrative dello scorso 11 giugno) e di una familiare per la costruzione di due immobili a più elevazioni sul lungomare nel quartiere Barracca, per un totale di 9 appartamenti e 3 depositi per complessivi 1.501 metri cubi, comprensivi dell’incremento del 25% previsto dal Piano Casa nel caso di demolizione di fabbricati residenziali ultimati al 31 dicembre 2009 e ricostruzione degli stessi. Anche in questo caso secondo la Procura non vi erano i requisiti in quanto il fabbricato era destinato in precedenza a deposito (cat. C2) e non era in regola con i pagamenti Tarsu e Ici al momento della presentazione dell’istanza, basata sul progetto redatto dall’architetto Trimarchi. Ciò avrebbe comportato un ingiusto vantaggio patrimoniale ai richiedenti. A Lenzo (che all’epoca dei fatti era anche presidente del Consiglio comunale) e Trimarchi, nella qualità di direttori dei lavori, a Miano e agli altri privati viene contestata la violazione del DPR 380/2001 (Testo unico dell’Edilizia) per aver eseguito le opere in forza di una concessione edilizia illegittima in quanto non sussistevano le condizioni per il rilascio. Lenzo e un cittadino devono rispondere dello stesso reato anche per lavori eseguiti in difformità al titolo edilizio (realizzazione di una veranda chiusa con aumento della volumetria del fabbricato e della superficie utile abitativa per 11,38 mq, modificando l’originaria destinazione d’uso della superficie) o in assenza dello stesso (chiusura di un corpo scala con infissi in alluminio e vetrate con aumento della volumetria del fabbricato) e per l’utilizzo di un fabbricato in mancanza del certificato di collaudo. Gli otto sono difesi dagli avvocati Massimo Principato, Paolo Turiano, Antonino De Luca, Carmelo Iaria e Gianfilippo Brunetto. Le concessioni edilizie rilasciate dall'Ufficio tecnico del Comune di S. Teresa di Riva con l'applicazione del Piano casa sono state complessivamente una ventina: i riflettori della Procura si sono accesi solo su questi casi. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.