Giovedì 16 Agosto 2018
La denuncia del Comitato Pendolari sull'odissea che si registra sulle linee regionali


Treno si guasta a Taormina e i viaggiatori vengono lasciati a piedi

11/05/2018 | ATTUALITÀ

686 Lettori unici

I ritardi di oggi da Catania

Il treno si ferma, poi riparte, ma lascia i pendolari a piedi. È quanto accaduto oggi alla stazione di Taormina con il primo treno regionale veloce partito da Messina per Siracusa alle ore 5.13. A denunciarlo è il Comitato Pendolari Siciliani-Ciufer. “Il treno 3865 arrivato a Taormina viene stoppato per un guasto tra Taormina e la stazione di Fiumefreddo e fin qui tutto regolare. I tempi di attesa si allungano e viene inviato un bus sostitutivo alla stazione di Taormina con soli 16/20 posti, lasciando così buona parte dei pendolari a terra. Al danno la beffa: mentre i pendolari rimasti a terra aspettavano l’arrivo di un secondo bus, il treno regionale 3865 veniva fatto partire lasciando a terra tutte quelle persone che erano fuori ad aspettare il bus sostitutivo. È inimmaginabile quanto è successo stamane alla stazione di Taormina, nessuna “tempestiva” informazione da parte di chi opera e gestisce sia il trasporto che l’infrastruttura ferroviaria. Nessun numero telefonico dove poter chiamare per avere informazioni”. A dichiararlo il presidente del Comitato, Giosuè Malaponti.

“Ma al danno l’ulteriore beffa è quanto è stato scritto sul portale Fsnews.it: Linea Messina–Siracusa riattivato il traffico fra Giarre-Riposto e Taormina-Giardini su un solo binario. È ripresa alle 6.25 la circolazione ferroviaria fra Giarre-Riposto e Taormina-Giardini su un solo binario, a senso unico alternato, con ritardi fino a 60 minuti. Prosegue la riprogrammazione del servizio ferroviario. Ore 2.30 - Dalle 2.30 la circolazione ferroviaria fra Giarre-Riposto e Taormina-Giardini (linea Messina–Siracusa) è sospesa per un inconveniente tecnico. Attivati servizi sostitutivi con autobus fra Giarre-Riposto e Taormina-Giardini. Sul posto i tecnici di RFI. Una domanda ci sorge spontanea – evidenzia Mapalonte – se l’inconveniente tecnico era già in programma dalle ore 2.30 come descritto su Fsnews.it, perché i bus sostitutivi non hanno funzionato così come previsto, visti gli enormi ritardi, disagi e disservizi? Chi paga per tutto questo? Chi risarcirà i pendolari per le ore di lavoro perse e da recuperare? Questi i numeri dei disagi di oggi: 356 i minuti di ritardo accumulati dai primi 5 treni del mattino in viaggio tra Messina-Catania e Siracusa e 191 sono i treno-km al momento soppressi. Chiediamo al presidente della Regione Musumeci e all’assessore regionale ai Trasporti Falcone di fare luce su questo enorme disagio/disservizio procurato a migliaia di utenti del trasporto ferroviario, tenuto conto che la Regione Siciliana paga all’impresa Ferroviari Trenitalia Spa 111,5 milioni di euro per il trasporto ferroviario e che anch’essa viene danneggiata da questi problemi tecnici, sempre più frequenti, alle infrastrutture ferroviarie”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.