Lunedì 24 Luglio 2017
Il racconto di Cristian Villari dopo l'episodio accaduto a Furci in Seconda Categoria


Salva la vita a un calciatore avversario in campo: "Ho fatto solo il mio dovere"

di Gianluca Santisi | 10/05/2017 | ATTUALITÀ

1309 Lettori unici

Cristian Villari

Una classica partita di fine stagione, in cui le due le squadre non avevano più nulla da chiedere al campionato, stava per trasformarsi in tragedia. È accaduto sabato scorso al “Papandrea” durante la gara tra Furci e Juvenilia, valevole per l’ultima giornata del torneo provinciale di Seconda Categoria. Un giocatore locale, Alex Russo, di 26 anni, al termine di un’azione di gioco, si è accasciato a terra perdendo i sensi. Ad accorgersi del malore è stato il terzino della squadra avversaria, Cristian Villari, che lo stava contrastando e si è subito reso conto della gravità della situazione. “L’atleta avversario, molto prestante, aveva già fatto diversi scatti durante la prima fase della partita – racconta Villari – e al termine di una lunga azione di gioco, dopo aver corso per circa 30 metri palla al piede, l’ho visto calciare in porta e poi cadere a terra all’indietro privo di sensi, battendo violentemente la testa. Subito mi sono reso conto che qualcosa non andava. Aveva la faccia rivolta a terra, delle convulsioni agli arti inferiori e non rispondeva. Con il mio compagno di squadra Santapaola l’abbiamo girato notando subito gli occhi rivolti all’indietro e la lingua in gola. D’istinto ho controllato il polso e non ho percepito nulla. Allora ho iniziato a praticargli un massaggio cardiaco, ho contato di aver fatto circa 17 massaggi e a quel punto lui si è ripreso. Dopo averlo messo in posizione di sicurezza, aiutati dall’arbitro e da altri giocatori, abbiamo atteso l’arrivo dell’ambulanza”. Quella santateresina, però, era impegnata. E così il mezzo di soccorso è dovuto giungere da Letojanni. “Abbiamo atteso circa venti minuti”, continua Villari, biologo di professione e a conoscenza delle manovre di primo soccorso in caso di emergenza. Per fortuna il 26enne, trasportato in ospedale per accertamenti, si è ripreso. “Non ho fatto nulla di speciale – continua il terzino della Juvenilia –, solo il mio dovere: certamente le condizioni di sicurezza di questi campi non sono ottimali, servirebbe un defibrillatore in ogni impianto a partire dalla Terza Categoria”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.