Venerdì 24 Novembre 2017
Aggiornato il progetto per ottenere un finanziamento da 2,5 milioni dal Ministero


S. Teresa, l'Amministrazione punta alla sicurezza sismica della scuola del Centro

di Andrea Rifatto | 07/09/2017 | ATTUALITÀ

349 Lettori unici

La scuola elementare e dell'infanzia "Felice Muscolino"

La sicurezza degli edifici scolastici rappresenta una priorità per l’Amministrazione di S. Teresa di Riva. La Giunta comunale guidata dal sindaco Danilo Lo Giudice ha infatti approvato un atto di indirizzo per partecipare ad un Avviso del Ministero dell’Istruzione per interventi di riqualificazione degli edifici scolastici statali nelle cinque regioni ritenute meno sviluppate, ossia Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, puntando a ottenere le risorse per il plesso della scuola primaria e dell’infanzia “Felice Muscolino” del Centro. L’Avviso è volto a far fronte prioritariamente alle esigenze di messa in sicurezza e riqualificazione degli immobili, in particolare adeguamento e miglioramento sismico, adeguamento impiantistico e interventi di messa in sicurezza finalizzati all’ottenimento dell’agibilità degli edifici, accessibilità e superamento delle barriere architettoniche, efficientamento energetico e miglioramento dell’eco-sostenibilità. Le risorse stanziate nell’ambito dei fondi Pon per la Sicilia ammontano a 115 milioni 220 mila euro e gli enti locali possono presentare uno o più progetti il cui importo complessivo, fra lavori e somme a disposizione, non sia superiore a 2,5 milioni. Al momento della presentazione della domanda il Comune deve essere in possesso di un progetto con livello almeno definitivo e le proposte progettuali devono essere inviate entro il 30 novembre previo accreditamento sul sistema informativo entro il 28 settembre. I punteggi verranno assegnati sia in base al livello di progettazione che alla capacità di cofinanziamento.

L’Amministrazione ha deciso di concentrarsi sulla “Felice Muscolino”, anche perché negli ultimi sette-otto anni sono già effettuati interventi di manutenzione straordinaria e adeguamento normativo sulle scuole di Bucalo, Cantidati, Barracca e sull’asilo nido, mentre sono in fase di completamento alla media “Lionello Petri”. Il plesso del Centro era già stato ammesso a finanziamento dalla Regione e inserito nella graduatoria del Piano triennale dell’edilizia scolastica 2015/2017 con un elaborato definitivo da 2 milioni di euro da finanziare nel 2017, che adesso l’Amministrazione ha aggiornato portandolo a livello esecutivo (per un importo di circa 2,5 milioni) per puntare ai fondi ministeriali. “A giugno abbiamo anticipato i tempi affidando l’incarico per la redazione dell’esecutivo – spiega il sindaco – perché sapevamo che sarebbero usciti dei bandi per le scuole con fondi subito disponibili. Questo ci consente di poter partecipare all’Avviso perché siamo avanti e riusciremo a rispettare la scadenza, ottenendo 18 punti in più grazie al livello di progettazione esecutivo, a cui si aggiungerà un nostro cofinanziamento tra il 3 e il 5% dell’importo. Altri 5 punti – aggiunge Lo Giudice – arriveranno dal fatto che attualmente abbiamo una sezione dell’Infanzia in locali in affitto in via Cicala, che una volta completati i lavori al Centro potrà essere spostata ottenendo anche un risparmio sul canone di locazione, benché basso in quanti si tratta di un vecchio contratto”. La Giunta ha quindi dato mandato all’Area Pianificazione e Gestione del Territorio di predisporre ogni atto gestionale per presentare l’istanza, mentre l’Area Finanziaria dovrà reperire le somme per un cofinanziamento non inferiore al 3%. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.