Giovedì 24 Agosto 2017
Diverse attività commerciali non rispettano le regole sul conferimento dei rifiuti


S. Teresa, cassonetti lasciati in strada e sui marciapiedi ma nessuno vede

di Andrea Rifatto | 11/08/2017 | ATTUALITÀ

654 Lettori unici

Cassonetti lasciati sul marciapiede

A qualcuno è parso di essere tornato indietro di quindici mesi, prima dell’avvio del nuovo sistema di raccolta porta a porta quando il conferimento dei rifiuti avveniva nei maleodoranti cassonetti stradali. Ma dopo un attimo di smarrimento la cosa è apparsa più chiara e allo stesso piuttosto anomala. Da tempo, infatti, hanno fatto la loro comparsa su marciapiedi e strade di S. Teresa di Riva cassonetti e contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti di proprietà di pubblici esercizi, in larga parte bar, ristoranti, supermercati, soprattutto sul lungomare e nelle traverse che collegano con la Nazionale. Contenitori che di norma dovrebbero essere tenuti nelle aree di pertinenza delle attività e non certamente sul suolo pubblico, così come previsto dall’ordinanza n. 32 del 27 aprile 2016 che ha dato le disposizioni in materia. Il provvedimento stabilisce infatti che i rifiuti debbano essere conferiti esclusivamente negli orari fissati, ossia dalle 22 del giorno precedente alle 2 del giorno di raccolta, e che i contenitori siano esposti solo negli orari consentiti e nelle immediate vicinanze dell’utenza, sul limite tra la proprietà privata e quella pubblica, e che una volta svuotati vengano ritirati in quanto è vietato il loro abbandono sul suolo comunale. Esattamente ciò che accade nei pressi di diverse attività, che lasciano addirittura i cassonetti per tutto il giorno sul marciapiede del lungomare, spostandoli poi la sera nelle traverse. Ciò provoca odori nauseabondi, in particolare nel caso di contenitori di organico e indifferenziato, oltre che intralcio ai pedoni. Un’anomalia che evidentemente finora è sfuggita ad amministratori, vigili urbani e ispettori ambientali, nonostante gli stessi transitino quotidianamente davanti ai locali che trasgrediscono le regole.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.