Giovedì 29 Giugno 2017
Interrogazione della minoranza per sapere se il Comune abbia tenuto conto del doppio senso


Passerella Furci-Roccalumera: "Pericoli all'incrocio con il lungomare furcese"

di Redazione | 14/06/2017 | ATTUALITÀ

1024 Lettori unici | Commenti 1

L'incrocio tra la passerella e il lungomare di Furci

“La passerella sul torrente Pagliara costituisce senz'altro un importante via di fuga, ma non deve essere messa in pericolo la sicurezza di pedoni ed automobilisti. Per questo vogliamo verificare se l'Amministrazione comunale di Furci Siculo abbia preso tutte le cautele che il caso richiede”. Lo affermano i consiglieri comunali di minoranza Francesco Rigano, Chiara Cocuccio, Francesco Moschella, Pietro Trimarchi e Sarah Vita, che questa mattina hanno presentato in municipio un’interrogazione indirizzata al sindaco, al responsabile dell’Area Tecnica, al coordinatore della Polizia Municipale e al responsabile dell’Ufficio del Traffico per avere delucidazioni sulla riapertura della passerella tra Furci e Roccalumera, stabilita a partire da domani, giovedì 15, con un’ordinanza congiunta  firmata dai due sindaci Sebastiano Foti e Gaetano Argiroffi. “Certamente noi consiglieri siamo d'accordo a trovare soluzioni che migliorino la viabilità ma certamente il doppio senso sul lungomare di Furci rappresenta un pericolo laddove si incrocia con la suddetta passerella – spiegano i cinque – e vogliamo perciò sapere se gli uffici preposti hanno valutato la problematica esprimendo un loro parere favorevole e non si tratti invece di una scelta lasciata al caso. Così forse potremo essere tutti più tranquilli".

Rigano, Cocuccio, Moschella, Trimarchi e Vita rilevano come nell’ordinanza sia stato stabilito che “la passerella, prima di essere riaperta, va ripulita, riportata nelle originarie condizioni, e ciò mediante la ricollocazione dei guardrail e della segnaletica, e che, in ogni caso, occorre avere preventivamente attestazione congiunta da parte degli Uffici tecnici dei due Comuni della solidità e percorribilità di detta passerella”, evidenziando però come non si sia tenuto conto “delle mutate condizioni di viabilità del lungomare di Furci, atteso che la riapertura della passerella deve oggi tenere conto del doppio senso di circolazione presente su tale lungomare e che, mantenendo il doppio senso di circolazione, determina senz’altro un serio pericolo per la circolazione stradale e per la sicurezza dei pedoni, nonostante la predisposizione di apposita segnaletica”.

La minoranza chiede quindi al sindaco e agli Uffici preposti di sapere “se ci sono attestazioni da parte dell’Ufficio tecnico circa la idoneità e solidità della passerella; se è stato preso atto delle mutate condizioni della viabilità del lungomare di Furci (istituzione del doppio senso di marcia) e, conseguentemente, riferire sulle cautele (al di là della mera predisposizione di apposita segnaletica) al fine di evitare situazioni di pericolo e garantire al massimo la sicurezza stradale e pedonale; quali circostanze hanno indotto l’Amministrazione comunale a modificare l’indirizzo dell’anno precedente allorquando la predetta passerella è rimasta chiusa, nonostante le condizioni di viabilità fossero identiche alle attuali”. Il gruppo consiliare ha chiesto che la relativa documentazione venga messa a disposizione con anticipo rispetto ai lavori consiliari e al presidente del Consiglio che l’interrogazione venga inserita in discussione nel prossimo Consiglio comunale utile.











COMMENTI

Persona Gentile | il 14/06/2017 alle 12:07:55

E che dire allora della passerella che unisce Santa Teresa a S. Alessio? Uno schifo, curve spaventose e incroci che neanche a Manhattan ci sono. Quando si sbrigano a fare il ponte d'Agrò?

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.