Mercoledì 22 Agosto 2018
Decisione del sindaco in occasione dei funerali dopo la tragedia di Posto Leone


Mandanici, proclamato il lutto cittadino per la morte di Mario Pozzo

di Redazione | 01/06/2018 | ATTUALITÀ

5954 Lettori unici

Mario Pozzo

Lutto cittadino a Mandanici per la morte di Mario Pozzo, il giovane scomparso tragicamente martedì annegando nel laghetto artificiale di Postoleone, a Santa Lucia del Mela. Lo ha proclamato oggi il sindaco Armando Carpo per la giornata di domani, sabato 2 giugno, in concomitanza con i funerali del 34enne mandanicese. Le esequie si terranno alle ore 16 nella chiesa di Santa Domenica. “Un drammatico evento che ha lasciato profondamente smarrita la nostra comunità ed è vissuto da tutti con profonda commozione – ha scritto il primo cittadino – ed è doveroso proclamare il lutto cittadino in concomitanza con la celebrazione dei funerali, in segno di rispetto e di partecipazione al dolore dei familiari, ed assumere le opportune iniziative per esprimere simbolicamente un caloroso abbraccio da parte dell’intera comunità”. Carpo ha quindi ordinato l’esposizione a mezz’asta delle bandiere negli edifici comunali e pubblici di Mandanici: il divieto, per l’intera durata dei funerali, di eseguire attività lavorative e ricreative ed ogni altro comportamento che contrasti con il carattere luttuoso della cerimonia medesima o con il decoro urbano in genere nelle vie e nelle piazze adiacenti la zona in cui si svolge la cerimonia funebre. I titolari di attività commerciali, artigianali e delle imprese sono stati invitati a sospendere le attività durante il corso della cerimonia funebre, con l’abbassamento delle serrande. Una morte, quella di Mario Pozzo, impiegato come macellaio in un supermercato di Roccalumera, che ha lasciato senza parole l’intero comprensorio jonico, dove il mandanicese era conosciuto da molte persone.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.