Mercoledì 28 Giugno 2017
Un attestato e un gonfalone al Gruppo attivo da 25 anni nella donazione del sangue


Letojanni, alla Fratres riconoscimento nazionale per la preziosa attività

13/04/2017 | ATTUALITÀ

831 Lettori unici

La presidente Micalizzi e i volontari con l'attestato

Gradito regalo per la Fratres di Letojanni da parte della Consociazione Nazionale. Durante un appuntamento informale tra i Giovani Fratres di Letojanni ed il presidente regionale Antonino Pane, sono stati donati alla presidente Carmela Micalizzi e a tutto il gruppo un gonfalone e un attestato di ringraziamento. Il riconoscimento arriva in occasione dei 25 anni di attività del Gruppo letojannese che, dall’ormai lontano 7 dicembre 1991, è instancabile nella promozione del dono e nella raccolta di sangue ed emocomponenti, destinati  al fabbisogno di chi, ogni giorno, necessita di trasfusioni di sangue per arrivare a fine giornata. "L’attestato di ringraziamento e il gonfalone suggellano il vincolo di collaborazione tra associazione locale e nazionale - spiega la presidente Micalizzi - e sono un segno tangibile della gratitudine verso i ragazzi ma anche uno stimolo a migliorarsi sempre di più ed a crescere ancorati ai valori della condivisione, della fratellanza e dell’aiuto al prossimo"

Il Gruppo Donatori Sangue Fratres Letojanni è una delle poche realtà presenti sul territorio e tra le più attive: la costanza e la tenacia dei volontari hanno portato, negli anni, ad aumentare le sacche di sangue raccolte e contestualmente le giornate di donazione: da una domenica al mese si è passati ad almeno due e sono stati inseriti dei turni infrasettimanali. I prossimi appuntamenti saranno il 23 aprile, il 7 e 21 maggio. Durante la raccolta del 23 aprile sarà sorteggiato un uovo di Pasqua da 3 kg. La presidente invita a sostenere il Gruppo Donatori Sangue Fratres Letojanni, scrivendo il numero 96011100839 nella tuadichiarazione dei redditi e donando il 5 x 1000 per aiutare l’associazione a proseguire con il suo modesto lavoro a favore degli ammalati bisognosi di terapia trasfusionale.











COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.