Lunedì 18 Giugno 2018
Iniziativa della Fidapa in collaborazione con Policlinico e ospedale di Taormina


“Ictus al femminile, prevenzione e cura”: incontro a S. Teresa

14/06/2018 | ATTUALITÀ

986 Lettori unici

Ictus al femminile, prevenzione e cura” sarà il tema dell’incontro in programma venerdì 15 giugno al Palazzo della Cultura-Villa Crisafulli-Ragno di S. Teresa di Riva, promosso dalla Fidapa S. Teresa-Valle d’Agrò, in collaborazione con la Stroke Unit del Policlinico di Messina, l’associazione Alice Onlus e con il patrocinio del Comune S. Teresa, con l’assessore all’Igiene e Sanità Gianmarco. Dalle ore 16 alle 18 sarà possibile sottoporsi ad uno screening gratuito (pressione arteriosa, glicemia e peso) per la valutazione del rischio vascolare nell’ambito dell’attività di prevenzione dell’Ictus cerebrale. Seguirà un confronto-dibattito sui sintomi da riconoscere e la gestione dell’emergenza. L’incontro rientra tra le iniziative programmate dalla Fidapa S. Teresa-Valle d’Agrò e volte ad affrontare alcune delle tematiche più importanti dell’universo femminile. Dopo i saluti di Marilena Micalizzi, presidente della Fidapa S. Teresa-Valle d’Agrò, del sindaco Danilo Lo Giudice e dell’assessore Gianmarco Lombardo, interverranno la professoressa Rosa Musolino, responsabile Stroke Unit del Policlinico di Messina e il dottore Mauro Passalacqua, direttore del Pronto Soccorso di Taormina. Modererà la giornalista Valeria Brancato.

Pochi lo sanno, ma l’ictus colpisce in misura maggiore le donne che gli uomini. E soprattutto è tutt’altro che un evento della terza età. L’ictus rappresenta la quinta causa di morte per gli uomini e la terza per le donne. E purtroppo è anche la prima causa di grave invalidità e di morte precoce in entrambi i generi, maschile e femminile. Il rischio è maggiore per le donne ed più elevato in tre momenti della loro vita: tra i 20 e i 35 anni, in età peri-menopausale tra i 45 e i 55 anni e dopo gli 85 anni. Eppure prevenzione e cure tempestive rappresentano mezzi fondamentali per evitare le conseguenze invalidanti e fatali dell’infarto cerebrale. “Ecco perché abbiamo voluto fortemente questo momento dedicato alla prevenzione e alla conoscenza dei sintomi che devono fare scattare il campanello d’allarme in ciascuno di noi – spiega la presidente Micalizzi - grazie alla collaborazione della Stroke Unit del Policlinico diretto dalla professoressa Musolino e al dottore Passalacqua del Pronto Soccorso di Taormina, affronteremo questo delicato argomento offrendo un prezioso momento di confronto ed informazione.”


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.