Martedì 16 Gennaio 2018
Numeri importanti a quasi due anni dall’apertura. Crescono le richieste di sostegno


Help Center S. Teresa, un vero "rifugio" contro solitudine e disagio

di Gianluca Santisi | 08/01/2018 | ATTUALITÀ

1074 Lettori unici

Alcune operatrici dell'Help Center

La società italiana si impoverisce e aumentano le richieste di aiuto all’Help Center di S. Teresa di Riva. La struttura, inaugurata nel maggio 2016, registra numeri sempre più importanti. Segno che i tempi richiedono uno sforzo ancora maggiore per fronteggiare i crescenti disagi economici e sociali. A gestirla, attraverso la responsabile Antonella Casablanca, è l’associazione “Penelope”, che ne ha curato la progettazione insieme al Comune. Da un anno e mezzo è diventato un punto di riferimento per l’intero comprensorio, allargando le proprie attività. L’Help Center, in via Cristoforo Colombo nel quartiere Torrevarata, è aperto dal lunedì al venerdì, in orario mattutino dalle 9 alle 13 e in orario pomeridiano dalle 14.30 alle 19.30. Tutti i servizi sono coordinati da un’assistente sociale coadiuvata da un gruppo di operatori e si avvale del supporto di volontari di Servizio civile, della collaborazione di tirocinanti del corso di laurea in Servizio sciale dell’Università di Messina e del servizio di volontariato svolto da utenti segnalati dal Tribunale per i Minorenni e dall’Ufficio di esecuzione penale per adulti di Messina.

Numerosi gli sportelli attivi. Secondo i dati relativi al primo anno di attività, sono stati presi in carico 50 utenti dal servizio sociale professionale. Si tratta di persone con problematiche di dipendenza, detenzione e povertà estrema. L’Help Center funge da riferimento per coloro che trovandosi in stato di bisogno, necessitano di un sostegno nel disbrigo delle pratiche burocratiche, nella ricerca di un alloggio e nell’accesso ai servizi socio-sanitari esistenti. Quaranta richieste di aiuto sono state prese in carico dallo sportello disabilità. Fondamentale anche l’attività mirata all’inserimento lavorativo di soggetti in difficoltà: grazie allo sportello specifico, sono state raccolte 137 offerte di lavoro, prevalentemente appartenenti all’ambito domestico e sono stati effettuati 75 inserimenti lavorativi con esito positivo, a fronte di 162 richieste. Numerosi anche gli immigrati comunitari ed extracomunitari che si sono rivolti al centro per informazioni, disbrigo pratiche e accesso ai servizi socio-sanitari. È attivo, in collaborazione con l’associazione “Evaluna Onlus”, anche uno sportello per l’accoglienza e ascolto delle donne vittime di violenza, che offre consulenza legale, inserimento in case di fuga, orientamento e inserimento lavorativo. Molto frequentati anche la sala prove, la ludoteca sociale e il centro diurno, con attività quotidiane rivolte ai ragazzi, ai minori diversamente abili e in situazioni di svantaggio sociale, italiani e stranieri, con recupero scolastico e laboratori ludico-ricreativi. L’Help Center funge anche da centro di raccolta e distribuzione di vestiario, libri, giocattoli, articoli per neonati e alimenti, contribuendo ad un’azione di riuso e riciclo solidale. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.