Mercoledì 13 Dicembre 2017
Assemblea in municipio sulle incertezze del servizio. La minoranza annuncia interrogazione


Furci, ritardi sulla mensa: genitori e dirigente scolastica attaccano l'Amministrazione

di Andrea Rifatto | 08/10/2017 | ATTUALITÀ

445 Lettori unici

I genitori durante l'incontro in Municipio

Genitori sul piede di guerra a Furci dopo il mancato avvio della refezione scolastica. L’Amministrazione comunale è finita al centro delle accuse delle famiglie e anche della dirigente scolastica dell’Istituto comprensivo di Roccalumera (di cui fanno parte i plessi furcesi) Mirella Guta Sauastita. La rabbia è esplosa nel corso di un’assemblea nell’aula consiliare, alla presenza di una cinquantina di mamme e papà dei bambini, della dirigente e del vicesindaco Maria Vera Scarcella, unico amministratore presente vista l’assenza del sindaco Sebastiano Foti e dell’assessore alla Pubblica Istruzione Corrado Attennante, che hanno fatto sapere di aver appreso tardi dell’incontro e di non poter partecipare per impegni. Le famiglie hanno gridato il loro disappunto per il ripetersi degli stessi disagi dello scorso anno, quando il nido e l’Infanzia del Centro rimasero chiusi per lavori e di conseguenza la mensa non venne avviata, costringendo gli alunni a dover portare il cibo da casa, mentre il servizio venne garantito all’Infanzia di Grotte. Quest’anno sembrava che la refezione potesse partire a regime ma i ritardi nell’approvazione del Bilancio 2017 stanno lasciando il Comune in una situazione di grande incertezza.

“Viviamo forti difficoltà e di questa situazione ne risentono anche le attività didattiche – ha detto la dirigente – perché spesso i genitori portano a casa i figli per il pranzo e non li riportano per le lezioni pomeridiane. Così rischiamo che gli alunni scelgano di iscriversi in altre scuole se non vi è garanzia sui servizi”. Mirella Guta Sauastita ha poi evidenziago altri problemi che affliggono i plessi furcesi chiedendo al Comune maggiori attenzioni. Il vicesindaco ha risposto alle domande di mamme e papà ma ritiene che la protesta sia esagerata: “Abbiamo stanziato le risorse per novembre e dicembre (6mila 800 euro) e contiamo di far partire la mensa nell’ultima settimana di ottobre – spiega – in fondo il servizio inizierebbe solo 15 giorni dopo rispetto l’anno scorso”. Un altro problema è quello dei cuochi, visto che dei due dipendenti comunali che si occupavano di preparare i pasti uno è stato collocato a riposo e l'altro andrà in pensione l’1 novembre: “Abbiamo individuato un impiegato che dovrà fare un corso di formazione, nel frattempo pubblicheremo un avviso per trovarne uno esterno – prosegue Scarcella – non avere il Bilancio ci condiziona totalmente e se mi viene chiesto cosa succederà a gennaio non sono in grado di dirlo: c’è il commissario regionale, se non si riuscirà ad approvarlo Giunta e Consiglio andrebbero a casa. Ma questa è la peggiore delle ipotesi”. A pagarne le conseguenze sarebbero i bambini, incolpevoli delle negligenze degli adulti. Il capogruppo di minoranza Francesco Rigano si è detto sdegnato da genitore: “L’Amministrazione non può fare la vittima e sottrarsi al confronto: presenteremo un’interrogazione con la nostra proposta per risolvere il problema”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.