Mercoledì 15 Agosto 2018
Nuovo provvedimento del Comune. La minoranza contesta l'ennesima proroga alla ditta


Furci, riordino dei parcheggi a pagamento: novità per disabili e sosta breve

di Andrea Rifatto | 12/02/2018 | ATTUALITÀ

494 Lettori unici

Strisce blu a Furci

Nuovo riordino delle aree destinate alla sosta a pagamento a Furci Siculo. La Giunta guidata dal sindaco Sebastiano Foti (assente alla seduta il vicesindaco Maria Vera Scarcella), a seguito di opportuni approfondimenti e di un’attenta valutazione dei provvedimenti adottati in passato, ha confermato la volontà di mantenere gli stalli blu già presenti, allo scopo di garantire una rotazione costante dei veicoli per soddisfare le esigenze di sosta di un alto numero di utenti quando la disponibilità di posti è limitata e ridurre la sosta in zone vietate, ma ha modificato in parte le zone dove è previsto il pagamento. Confermata la sosta a pagamento nella via Caio Duilio (lato mare) e sulla via IV Novembre (lato mare) dall’intersezione con via Duilio fino alla via Interdonato, mentre è stato eliminato dalle aree blu il campo da calcio “Luigi Papandrea”, utilizzato solo durante l’estate. Dall’1 ottobre al 31 maggio la sosta a pagamento sarà in vigore dalle 8.30 alle 13 e dalle 16 alle 20,30, mentre dall’1 giugno al 30 settembre l’orario pomeridiano sarà dalle 17 alle 21. Il periodo di sosta gratuita passa da 10 a 15 minuti, mediante segnalazione, a carico dell’utente, dell’orario di arrivo chiaramente evidenziato. Invariate le tariffe, pari a 50 centesimi per mezz’ora e un euro per ogni ora di sosta, da pagare tramite l’acquisto di gratta e sosta presso i rivenditori autorizzati o dagli addetti della ditta che gestisce il servizio per conto del Comune. Altra novità la sosta gratuita nelle strisce blu per i mezzi muniti di contrassegno per i portatori di handicap, che invece in passato potevano parcheggiare liberamente solo negli stalli a loro assegnati delimitati con linea gialla. Il mancato pagamento della sosta comporterà una sanzione pari a 5 euro, mentre in caso di sosta con tagliando scaduto bisognerà versare le sole ore non pagate dal momento della scadenza del grattino alla fine del turno di sosta. In caso di mancato versamento della sanzione entro 15 giorni, scatteranno le procedure legali per il recupero con ulteriore aggravio di spese. Le modifiche e le integrazioni deliberate dalla Giunta sono state ribadite dal sindaco con una propria ordinanza, che ha annullato tutti i precedenti provvedimenti adottati in materia. “Aspettando ancora la gara per il servizio della sosta a pagamento, scaduta dal 15 settembre, l’Amministrazione riordina le aree di sosta, è un buon inizio – ha commentato il capogruppo di minoranza Francesco Rigano – è stato finalmente escluso il campo di calcio e ce ne è voluto di tempo, visto che da settembre non si usa. Ma rimaniamo in proroga, di nuova gara non se ne parla nonostante il contratto sia abbondantemente scaduto. I cittadini continuano a pagare, ma ancora aspettiamo i conteggi dei soldi effettivamente incassati dal Comune”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.