Mercoledì 18 Ottobre 2017
Il gruppo ha festeggiato i cinque lustri di attività. A gennaio nuove giornate di raccolta


Fratres Letojanni, 25 anni al servizio dei donatori di sangue: nuovi obiettivi per il 2017

08/01/2017 | ATTUALITÀ

1146 Lettori unici

La festa per i 25 anni al Palacongressi

Il Gruppo donatori di sangue Fratres di Letojanni ha festeggiato i 25 anni. Un’attività iniziata nel lontano 1991, quando Fratres e Misericordia nascevano come unica associazione per volere di padre Adelino Affannato, Maria Caminiti, Maria Bonsignore, Rita Coglienti, Roberto Curcuruto, Daniela Fileti, Assunta Lapi, Antonino Alessi, Giuseppe Lo Monaco, Giuseppe Netti e Monica Pino. Separatasi giuridicamente dalla madre biologica, grazie al prezioso sostegno della stessa e dell’Amministrazione comunale, la Fratres si dota di un’Unità fissa di raccolta sangue. Al fine di garantire l’alta qualità del servizio e la sicurezza del donatore e del ricevente, oggi il Gruppo, presieduto da Carmelina Micalizzi, può vantare “una struttura all’avanguardia tra le più importanti dell’area metropolitana messinese – afferma il sindaco di Letojanni, Alessandro Costa – ed è motivo di orgoglio per la comunità intera". La festa svoltasi al Palacongressi è stata un momento di grande riconoscenza ai fondatori, “padri della Fratres” che hanno ricordato con commozione ciò che li ha portati a farsi carico della “cultura della civiltà dell’amore”. Nella ferma convinzione che le associazioni siano “validi strumenti per aiutare gli altri”, il Gruppo ha aderito al sostegno a distanza di un bambino/a ospite di una delle tre case famiglia costruite in Kenya dalla Fondazione Germano Chincherini Onlus, dando così la possibilità di studiare e ricevere cibo e cure mediche.

A conclusione del nuovo progetto “Dona… LiberaMente”, il 21 dicembre l’associazione ha aperto le porte dell’Unità di raccolta di via Monte Bianco ai piccoli partecipanti e alle loro famiglie e fatto dono del calendario realizzato grazie ai loro lavori. La Fratres ha tanta voglia di continuare a crescere come e meglio degli ultimi due anni. Nel 2015, le 480 unità di sangue raccolte avevano portato i volontari a porsi come obiettivo per il 2016 quello di superare le 500 sacche. Obiettivo più che raggiunto: nell’anno appena concluso è stata infatti raggiunta quota 548 sacche di sangue. Tra i dati più significativi e che fanno ben sperare per il 2017, vi sono quelli relativi alle prime donazioni e alle pre-donazioni: nel 2016, 82 persone si sono affacciate alla porta dell’unità di raccolta o del centro trasfusionale di Taormina spinte dalla voglia di donare una parte preziosa di sé: di questi, già 57 sono diventati donatori di sangue e altri lo diventeranno nel 2017. Significativo è anche il numero delle donazioni di plasma, le aferesi, che durante il 2016 sono state, da parte dei soci della Fratres di Letojanni, 22. L’aferesi richiede un procedimento più lungo e più complesso della semplice donazione di sangue ed al momento può essere effettuata soltanto al centro trasfusionale di Taormina, in quanto l’Unità di raccolta di Letojanni è sprovvista del costosissimo macchinario che permette di prelevare sangue intero, smistarne il plasma, e rimetterlo in circolo. L’acquisto di nuovi macchinari che possano rendere sempre più efficiente l’Unità di raccolta di Letojanni è tra gli obiettivi dei prossimi anni; obiettivo del 2017, invece, è raggiungere e superare le 600 sacche di “oro rosso”. Per incentivare i donatori sono state incrementate le domeniche dedicate alla donazione: si comincia con tre date a gennaio: l’8, il 15 ed il 29, presso l'Unità di raccolta di via Montebianco, e non mancheranno anche i turni infrasettimanali. Per essere sempre aggiornati si rinvia al sito www.fratresletojanni.org


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.