Giovedì 19 Aprile 2018
Stop alle attività aggiuntive di Asofa a Taormina, S. Teresa, Savoca e Francavilla


Ancora niente soldi, sospesi i progetti Pac in quattro asili nido jonici

di Redazione | 09/04/2018 | ATTUALITÀ

449 Lettori unici

Il presidente Le Mura con dipendenti e genitori

Nuovo stop ai servizi aggiuntivi in quattro asili jonici. Dopo il primo allarme lanciato a metà gennaio, l’Asofa, Associazione di solidarietà familiare con sede a Gaggi che lo scorso anno si è aggiudicata quattro gare d’appalto bandite dal Distretto socio-sanitario D32 di Taormina per attività migliorative e di ampliamento dei servizi offerti negli asili nido di Taormina, Savoca, S. Teresa di Riva e Francavilla di Sicilia, ha nuovamente sospeso da oggi le attività. Oggi una delegazione di dipendenti e famiglie dei quattro asili, accompagnati dal presidente dell’Asofa Leonardo Le Mura, hanno incontrato il sindaco di Taormina Eligio Giardina e il coordinatore del Distretto socio-sanitario di Taormina Pippo Cacopardo, per avere chiarimenti e informazioni in merito al mancato pagamento delle fatture dal mese di giugno 2017 ad oggi. A seguito dei mancati pagamenti e nell'impossibilità di garantire con efficienza e sicurezza le attività ludico-didattiche, l’associazione è stata costretta da oggi a sospendere i progetti, garantiti con regolarità e quotidianità dal mese di giugno 2017.  I quattro asili mediante i progetti Pac ospitano 16 bambini a Savoca, 20 a S. Teresa,18 a Francavilla e 15 a Taormina. Il sindaco e il dirigente hanno rassicurato che i mandati saranno fatti in settimana: gli atti sono stati posti in essere dagli Uffici del Distretto e sembrerebbe che non vi siano problemi nel procedere. “Prendiamo atto degli impegni assunti ma le attività rimarranno sospese fino all'avvenuto pagamento delle mensilità arretrate” – commenta il presidente Le Mura. Le giornate non svolte saranno recuperate alla fine del progetto.

Il progetto è stato avviato grazie ai 700mila euro ottenuti dal Distretto D32 provenienti Ministero dell'Interno tramite il Piano azione e coesione “Infanzia”, avviato con la finalità di integrare, potenziare e migliorare ulteriormente i servizi ludico-educativi e in particolare le potenzialità cognitive, affettive, relazionali e sociali dei bambini, di età compresa da 3 ai 36 mesi, in sinergia con le amministrazioni comunali e le famiglie, con un sostegno all’offerta di servizi da destinare prioritariamente a famiglie con basso reddito. I servizi sono previsti fino a giugno 2018 attraverso l’impiego di personale educativo e ausiliario nel numero di un operatore ogni sei bambini: tra le attività previste il prolungamento dell’orario di apertura e un servizio innovativo denominato “Mamma e papà in libera uscita”, ossia la possibilità, durante un giorno a settimana, di ospitare i bambini fino alle 22.30-23 per consentire alle famiglie qualche ora di svago. Oltre a ciò erano state avviate attività di intrattenimento e momenti ludico-didattici, animazione, escursioni didattiche e mensa scolastica, oltre a consulenza psicologica-psicoterapeutica, pediatrica, assistenza a diversamente abili, animazione. Lo stop dovuto ai mancati pagamenti priverebbe dunque le famiglie di servizi finora garantiti.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.