Giovedì 19 Aprile 2018
Approvato in Consiglio il Piano dell'Ato Me4. In lieve crescita la differenziata


Sant'Alessio, cala il costo del servizio rifiuti: i cittadini pagheranno meno in bolletta

di Andrea Rifatto | 03/04/2018 | AMBIENTE

474 Lettori unici

L'ultima seduta consiliare

Se nella vicina Forza d’Agrò il costo del servizio rifiuti aumenta, con le annesse proteste del sindaco, a Sant’Alessio Siculo si registra una riduzione che di conseguenza si riflette anche sulle tariffe a carico dei cittadini per l’anno 2018. Il dato è emerso durante l’approvazione in Consiglio comunale del Piano economico-finanziario dell’Ato Me4, inviato dalla società in liquidazione che gestisce raccolta e smaltimento rifiuti e spazzamento stradale. “Siamo passati da 519mila euro del 2017 a 487mila del 2018 – ha spiegato Franco Santoro, vicesindaco con delega all’Igiene – e non possiamo che ritenerci soddisfatti. Grazie al lavoro fatto in quest'ultimo anno insieme al personale Ato siamo riusciti ad ottenere buoni risultati con la raccolta differenziata e questo ha permesso che il Piano finanziario Tari 2018 è risultato essere inferiore a quello del 2017, motivo per cui le bollette saranno più leggere sia per le famiglie che per le utenze commerciali. Chiaramente non si tratta di grandi cifre – ha aggiunto – ma sicuramente c’è un’inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni, sperando di poter continuare il lavoro svolto ottenendo risultati più importanti”. L'ultimo dato sulla raccolta differenziata reso noto dalla Regione è relativo al mese di novembre e si attesta sul 22,1%, in crescita rispetto ai mesi precedenti.

La Tari 2018 subisce una riduzione del 3,50% per l’uso domestico e del 9% per quello non domestico. Il Piano e le tariffe sono stati approvati con i sei voti favorevoli del gruppo di maggioranza “Vince S. Alessio” (assente Alessandra Marisca) e l’astensione di Giuseppe Bartorilla, unico consigliere di minoranza presente. “Paradossale che nonostante i comuni dell’Ato Me4 siano scesi da 32 a 22, per alcuni i costi aumentano e per altri diminuiscono –  ha evidenziato Bartorilla – e il Piano proposto a mio avviso non è congruo anche perché i costi sono suddivisi con criteri astrusi che non si riescono a capire”. L’esponente di opposizione aveva proposto di stanziare nel Piano Tari, coprendo il relativo costo con il risparmio ottenuto rispetto al 2017, una somma per consentire eventualmente al sindaco di esercitare i poteri di ordinanza conferiti dal presidente della Regione per far fronte ad eventuali emergenze estive nel settore rifiuti. Richiesta bocciata “perché la nostra intenzione è quella di ridurre le tasse – ha detto il vicesindaco – e vogliamo mantenere il risparmio sulla Tari”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.